Sei alberi per ricordare le vittime della strage di via D’Amelio saranno piantati nel giardino Quarto Savona Quindici

0
10

Sei nuovi alberi, cinque ulivi e un mandorlo, saranno messi a dimora all’interno del giardino Quarto Savona Quindici, sotto la stele che ricorda la strage di Capaci, ed ognuno di loro porterà una targhetta con un nome: Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina ed Emanuela Loi. A donarli la segreteria nazionale del Movimento dei poliziotti democratici e riformisti per ricordare il venticinquesimo anniversario dell’eccidio di via D’Amelio. La cerimonia di piantumazione, organizzata da Tina Montinaro, dal Movimento dei poliziotti e dal comune di Isola delle Femmine, si svolgerà mercoledì 19 luglio, dalle ore 10 alle 13.

Il giardino non appartiene solo a chi ha perso i propri cari nella strage di Capaci – spiega Tina Montinaro – ma a tutte le vittime del dovere, d’ora in poi chiunque potrà ricordare chi non c’è più donando un albero. I nostri familiari sono stati strappati alla vita con violenza, ritengo che sarà più difficile uccidere un albero, e se così fosse lo sostituiremo con un altro.

Capaci e via D’Amelio uniti dunque dal filo della memoria.

Non possiamo e non vogliamo dimenticare i nostri colleghi – aggiunge Antonino Alletto, segretario generale nazionale di MP – e riempire quel giardino di alberi e piante è il nostro desiderio. I loro nomi sui quei fusti diventeranno l’emblema della lotta alla mafia e l’affermazione dei principi di libertà, legalità e giustizia.

Al questore di Palermo, Renato Cortese, sarà affidato il compito della piantumazione dell’albero di mandorlo intitolato ad Emanuela Loi, a Tina Montinaro quello del giudice Borsellino, a Manfredi Borsellino quello del caposcorta Agostino Catalano, a Vittorio Costantini, segretario nazionale di MP, quello di Claudio Traina, a Stefano Bologna, sindaco di Isola delle Femmine, quello di Vincenzo Li Muli, e a Giovanni Assenzio, segretario provinciale MP Palermo, quello di Walter Eddie Cosina. A benedire i nuovi alberi don Massimiliano Purpura, cappellano della Polizia di Stato presso la caserma Pietro Lungaro di Palermo.

Alla cerimonia saranno presenti, oltre ai familiari delle vittime, la Segreteria nazionale MP, le delegazioni provinciali MP provenienti da tutta la Sicilia, l’amministrazione comunale di Isola delle Femminee l’ASD Le Pantere della Polizia- Bike.

(Redazione)