Radio Italia Live Palermo, un giorno di festa per la città

0
14
Radio Italia Live Palermo

Le decine di migliaia di persone previste, il forte caldo e l’allarme terrorismo hanno scoraggiato tanta gente ad assistere al concerto di Radio Italia ieri a Palermo, ma chi alla fine è andato (probabilmente cinquantamila persona) ha assistito ad uno degli eventi più belli e importanti del panorama musicale nazionale. Infatti ieri dal mega palco del Foro Italico si sono esibiti gli artisti del momento che hanno cantato, insieme a un calorosissimo pubblico, le hit più in voga di quest’estate.

Il primo artista a salire sul palco è stato Samuel che ha interpretato in sequenza “Rabbia”, “La statua della mia libertà” e il pezzo presentato al Festival di Sanremo “Vedrai”. Successivamente ad esibirsi è stata Nina Zilli che ha incantato il pubblico con “L’amore verrà”, “L’uomo che amava le donne” e il suo ultimo singolo “Mi hai fatto fare tardi”. Subito dopo è stata la volta di Alessio Bernabei che ha cantato il brano presentato a Sanremo “Nel mezzo di un applauso”, “Noi siamo infinito” e l’ultimo singolo “Non è il Sudamerica”.

Poi a salire sul palco è stato Sergio Sylvestre che ha prima cantato il suo pezzo sanremese “Con te” e poi ha prestato la sua voce all’artista successivo, il dj internazionale Bob Sinclair, che ha fatto ballare il pubblico del Foro Italico con “Love generation” e “Till the sun rise up”. Dopo è stata la volta del siciliano Lorenzo Fragola che ha regalato ai suoi numerosissimi fan “#Fuori c’è il sole”, “D’improvviso” e insieme a Takagi e Ketra una delle hit del momento “L’esercito del selfie”. Al termine dell’esibizione del cantautore siciliano si è esibita Marianne Mirage che ha cantato “Le canzoni fanno male”.

Intorno alle 21:30 a salire sul palco gli attesissimi Fabio Rovazzi e Gianni Morandi con il tormentone estivo “Volare”. Durante l’esibizione Morandi è caduto per terra ma si è prontamente ripreso chiudendo la performance cantando insieme al pubblico “Bella Signora” e “C’era un ragazzo”. Dopo il duetto Rovazzi Morandi è stata la volta di Francesco Renga che ha interpretato “Migliore”, “Il mio giorno più bello nel mondo” e il suo ultimo singolo “Nuova luce”.

Uno dei momenti più emozionanti del concerto è stata sicuramente la reunion de “Le Vibrazioni” che hanno incantato Palermo con “Giulia”, “In una notte d’estate” e “Vieni da me”. Subito dopo a salire sul palco è stato uno degli artisti più attesi, il vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo Francesco Gabbani che ha cantato i suoi successi “Amen”, “Tra le granite e le granate” e “Occidentali’s Karma”. Poi è stata la volta di Nek che ha interpretato “Unici” e in coppia con J-Ax “Freud”.

A presentare gli ospiti durante tutto il concerto Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu che hanno voluto omaggiare Giovanni Falcone e tutte le vittima di mafia interpretando il brano di Giorgio Faletti “Signor Tenente”. Dopo questo toccante momento a salire sul palco gli attesissimi Fedez e J-Ax che hanno fatto cantare i tanti giovani presenti con “Assenzio”, “L’Italia per me” insieme anche a Sergio Sylvestre e la hit del momento “Senza pagare”.

A chiudere il concerto Gigi D’Alessio con “La prima stella”, “Mon Amour” e “Non dirgli mai” ed Eros Ramazzotti che ha iniziato la sua esibizione con “Musica”, “Un’altra te” e “Sei un pensiero speciale”, per concludere con i suoi pezzi più conosciuti “Cose della vita” e “Più bella cosa”. Dopo il concerto la festa è proseguita con Bob Sinclair in console che ha fatto ballare i migliaia di giovani rimasti al Foro Italico.

Il bilancio del concerto è stato più che positivo e alla fine hanno prevalso la bella musica e la voglia di divertirsi del pubblico presente all’evento. Anche dal punto di vista della sicurezza e dell’ordine pubblico è andato tutto per il verso giusto, dimostrando che la città di Palermo è preparata e in grado di ospitare manifestazioni di questa portata.

(Salvo Scaduto)