Palermo: continua la lotta ai parcheggiatori abusivi e alle attività non regolari della movida notturna

0
13
Gli agenti di Polizia impegnati nelle operazioni di controllo di attività commerciali in città

Continua l’attività di controllo della Polizia di Stato nelle aree del centro storico dove si concentra la maggior parte della movida notturna cittadina. I controlli effettuati hanno portato alla denuncia in stato di libertà di un gestore di una discoteca ed ad una sanzione di 5.000 euro al titolare di un locale. Nel corso dei servizi, svolti dagli Agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura, al titolare di un locale di via Gerbasi, in zona Borgo Vecchio, è stata irrogata una sanzione amministrativa pari a euro 5.000, in quanto  all’interno dell’esercizio si stava esibendo un complesso musicale, alla presenza di un centinaio di giovani, nonostante egli fosse sprovvisto di licenza per svolgere tale attività.

Il titolare di un esercizio di via Castrofilippo,  nei pressi di piazza Magione, è stato invece deferito all’A.G.: all’interno del suo locale vi erano un centinaio di ragazzi intenti a ballare, nonostante la licenza per tenere trattenimenti danzanti fosse stata sospesa a tempo indeterminato. Infatti, nell’ambito di precedenti servizi di controllo da parte della Polizia di Stato,  era stata accertata la violazione delle prescrizioni in licenza, soprattutto in ordine alla sicurezza dei locali e alla incolumità dei clienti, comportando il venir meno delle condizioni che ne avevano determinato il rilascio.

Proseguono inoltre i servizi volti al contrasto del diffuso fenomeno dell’esercizio abusivo dell’attività di regolamentazione della sosta in numerose aree del capoluogo. L’attività di controllo si è svolta in più fasi ed ha visto impegnati gli  Agenti dei Commissariati di P.S. Brancaccio, Libertà, Politeama, Porta Nuova, Oreto Stazione, Zisa Borgo Nuovo e del Reparto Prevenzione Crimine.  

Nel corso dei servizi sono stati individuati 16 soggetti intenti ad esercitare l’attività di parcheggiatori abusivi; per tutti è “scattato” l’ordine di allontanamento immediato dai luoghi e nei loro confronti sono state  elevate sanzioni per 16.000 euro, oltre al sequestro delle somme frutto dell’illecito guadagno. Le posizioni dei parcheggiatori abusivi sanzionati sono adesso al vaglio della Questura per l’eventuale applicazione nei loro riguardi del cosiddetto “Daspo Urbano”, un provvedimento ancor più stringente, disposto dal Questore, che prevede un lungo divieto di reingresso nelle aree dalle quali si era stati estromessi. Nell’ambito delle attività di controllo sono state identificate, inoltre,  174 persone, controllati 88 veicoli ed elevate sanzioni per violazioni al Codice della Strada per circa 3.000 euro.

(Redazione)