L’assemblea di Lega B nega il rinvio delle gare del Palermo durante gli incontri delle nazionali. Zamparini ricorre alle vie legali

0
11

Ieri a Coverciano si è tenuta l’Assemblea ordinaria della Lega B con la presenza di allenatori, capitani e dirigenti delle 22 società di Serie B. Tra i vari punti all’ordine del giorno si è anche discussa l’istanza presentata dal Palermo per il rinvio delle gare in coincidenza con le date degli impegni internazionali FIFA in cui sono impegnati tanti tesserati rosanero. L’esito, come ampiamente previsto, è stato di rifiuto del rinvio delle gare della società rosanero con quasi tutte le società che si sono espresse contro l’istanza presentata da Zamparini.

Dopo la decisione dell’Assemblea ordinaria della Lega B la società di Viale del Fanta attraverso il proprio sito ufficiale ha diramato il seguente comunicato:

Con grande disappunto l’U.S. Città di Palermo si vede punita da una organizzazione che la penalizza togliendogli la competitività per gli impegni nazionali dei suoi giocatori. È davvero contro i valori sportivi la situazione delle assurde regole italiane attuali (a differenza di regole come quelle del campionato inglese), che possono provocare ingenti danni sportivi ed economici e pregiudicare le possibilità di promozione in serie A. Incaricheremo il nostro ufficio legale per intraprendere tutte le azioni atte a garantire il giusto valore sportivo delle competizioni del campionato di Serie B e gli eventuali risarcimenti per gli ingenti danni provocati.

(Redazione)