La Sicilia tra caro voli, governo K.O. e speranze

0
116

Cari lettori di All Sicily, care amiche e amici:

Siamo sempre gli stessi gattopardi, c’è poco da fare, un popolo strano quello nostro. Una volta in una di quelle tipiche chiacchierate fatte per strada mi fu detto: “siamo un popolo più scaltro che intelligente”. Quanta saggezza in questa frase, è la fotografia del carattere siciliano, della personalità di una popolazione che per un verso è all’eterna ricerca di un cambiamento, per un altro è troppo furba per voler davvero cambiare. Ricordiamo tanto il celebre racconto di Stevenson di Dottor Jekyll e Mr.Hide, spesso forti e intransigenti a parole, quasi sempre disorientati e appiattiti nei fatti. E’ la nostra storia, siamo un popolo di dominati non di dominatori.

La notizia di questa settimana sembra essere che il governo regionale è andato K.O., tradotto in parole concrete la giunta regionale ha proposto un disegno di legge sui rifiuti che l’Assemblea Regionale Siciliana ha bocciato votando con voto segreto. E’ stato detto che questa è una cosa che devono sapere tutti i Siciliani. Ma mi chiedo e vi chiedo, ma di cosa stiamo parlando?

Premesso che non conosco il testo di legge, perché questa è solo una guerra di palazzo. Cosa dovremmo sapere che i nostri parlamentati regionali hanno usato il voto segreto per impallinare il governo? Bene o male questo giudizio lo lascio a voi. Una sola riflessione, riforma o no, all’indomani tutti noi avremmo fatto le nostre solite vite, ergo la questione è d’interesse dei soliti noti.

La questione reale è tutt’altra, nessun siciliano che non abbia un interesse particolare sull’argomento rifiuti, si straccerà le vesti, perché tutti noi abbiamo bisogno di altro, ma è veramente così difficile da capire, è tanto complicato comprendere che continuando di questo passo siamo destinati ad essere terra di transito? No, non è arduo prendere consapevolezza di tutto ciò, ma chi in questo momento è nelle stanze dei bottoni è preoccupato di altro, semplice, anzi semplicissimo.

Il caro voli è invece un tema acceso e sentito, uno di quegli argomenti cosiddetti “acchiappa like”, su cui tutti da sinistra a desta fanno la voce grossa, tanti comunicati stampa, interviste, magari anche qualche atto. Eppure quando si parla degli aeroporti siciliani sento sempre scrivere e dire boom di passeggeri, nuove rotte e via dicendo, ma a natale un Milano-Palermo o un Roma-Palermo quest’anno costa di più, che cose strane.

C’è una Sicilia che lotta, che non si arrende, il problema è che non riusciamo ad uccidere il gattopardo, assegniamo colpe e segniamo colpevoli, continuando a non centrare il punto, ma nei tanti colloqui che per lavoro faccio con numerosi imprenditori vedo chiara la strada, quando vedo il volto della determinazione e della dedizione di tanti che non si fermano davanti a nessuna difficoltà gettando il cuore oltre tutto questo.