Elezioni Sicilia: il tribunale sospende la validità delle “regionarie” del Movimento 5 Stelle

0
13

Oggi la quinta sezione civile del tribunale di Palermo ha sospeso la validità e gli effetti delle “regionarie” siciliane del Movimento 5 Stelle, le elezioni online che hanno decretato Giancarlo Cancelleri candidato del Movimento ideato da Beppe Grillo a governatore la Sicilia. Il provvedimento cautelare emesso dal giudice sospende l’elezione e rinvia la causa al 18 settembre per l’integrazione del contraddittorio nei confronti dei candidati classificatisi in posizione utile per entrare in lista. Il ricorso è stato presentato da Mauro Giulivi, militante “grillino” che era stato escluso dalle “regionarie” per non aver firmato un documento necessario per potersi candidare. In realtà si tratterebbe di uno di quei documenti che il Movimento fa firmare ai propri candidati chiamandoli codici etici, ma che in concreto sarebbero clausole contrattuali.

Mauro Giulivi, attivista del Movimento 5 Stelle e promotore del ricorso contro le “regionarie”

Di seguito il comunicato apparso oggi sul Blog di Beppe Grillo con cui il Movimento 5 Stelle rassicura i propri elettori sulla vicenda e sulla regolarità delle “regionarie”:

Il MoVimento 5 Stelle in Sicilia ci sarà, non c’è nessun rischio caos. Il tribunale ha semplicemente accolto il ricorso di un iscritto che vuole essere in lista e, come misura cautelare, ha sospeso le regionarie. Ciò non toglie che il MoVimento 5 Stelle parteciperà alle elezioni, come previsto, e lo farà seguendo le decisioni che verranno prese dal tribunale. Il tour in Sicilia continua oggi con il candidato presidente Giancarlo Cancelleri e Luigi Di Maio in visita nel messinese dove incontreranno allevatori e pescatori. Vogliamo raccontare a tutti il nostro programma per fare della Sicilia la prima regione a 5 Stelle.

(Redazione)