Dalla sfiducia al sindaco di Licata alle promesse di Cancelleri. Il riscatto dell’abusivismo in Sicilia

0
12

Angelo Cambiano era diventato il simbolo della lotta all’abusivismo edilizio facendo demolire numerosi edifici costruiti abusivamente lungo la costa di Licata in cui ricopriva la carica di sindaco. La sua azione coraggiosa e impopolare ha avuto nel tempo ripercussioni non solo politiche ma anche sul piano personale con numerose minacce e intimidazioni tra cui l’incendio di due case di famiglia e l’assegnazione della scorta personale. Un’azione, quella della lotta all’abusivismo edilizio in una terra come la Sicilia dove il fenomeno è molto diffuso, che ha portato Cambiano alla ribalta nazionale grazie ai media e alle televisioni che in più occasioni hanno parlato del suo operato.

Come detto questa linea politica intransigente ha creato a Cambiano un isolamento politico via via sempre più marcato fino alla mozione di sfiducia presentata da 16 consiglieri che contestavano al sindaco scelte sbagliate che avrebbero sottratto fondi al comune. Ieri è arrivata la resa dei conti con la mozione di sfiducia votata da 21 consiglieri comunali che hanno fatto decadere Cambiano da sindaco.

Angelo Cambiano, diventato simbolo della lotta all’abusivismo, sfiduciato da sindaco di Licata

La sfiducia a Cambiano è arrivata a poche ore dall’annuncio del candidato presidente del Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni regionali Giancarlo Cancelleri che in un comizio a Giardini Naxos dichiarava, in caso di elezione, di tollerare l'”abusivismo per necessità” citando un regolamento in materia approvato a Bagheria dalla giunta Cinque Stelle guidata dal sindaco Patrizio Cinque finito l’anno scorso suo malgrado su tutte le televisioni nazionali per via del servizio de “Le Iene” sulla sua casa abusiva.

Giancarlo Cancelleri candidato Presidente del M5S in Sicilia si è detto a favore dell’abusivismo per necessità.

Quelle sopra citate sono due vicende che fanno ben capire come parte della politica siciliana la pensa sull’abusivismo edilizio e come questo argomento sia rilevante durante il periodo elettorale in un’isola in cui la legalità viene predicata ma non attuata.

(Salvo Scaduto)