Centrodestra unito in Sicilia con Musumeci candidato presidente e ticket con Armao e Lagalla

0
9
Il centrodestra in Sicilia è riuscito a trovare unità con la candidatura a governatore di Nello Musumeci e il coinvolgimento in giunta di Gaetano Armao e Roberto Lagalla

Con la conferenza stampa tenutasi oggi a Palazzo dei Normanni è stata ufficializzata la candidatura unitaria del centrodestra di Nello Musumeci alla Presidenza della Regione alle elezioni regionali in Sicilia che si terranno il 5 novembre prossimo. Presenti tra gli altri in conferenza stampa anche Gaetano Armao e Roberto Lagalla che alla fine hanno deciso di ritirare le rispettive candidature allo scopo di unire il centrodestra. Entrambi in caso di vittoria di Musumeci avranno un posto nella giunta regionale con Armao che dovrebbe aver assegnata la delega all’economia e la vicepresidenza e Lagalla la delega o alla salute o all’istruzione.

Conferenza stampa oggi all’Ars con l’ufficializzazione di Nello Musumeci come candidato Presidente del centrodestra

A sostenere la coalizione guidata da Musumeci ci saranno Forza Italia, Cantiere Popolare, UDC, Fratelli d’Italia, Noi con Salvini, il movimento IdeaSicilia di Lagalla e gli autonomisti guidati da Armao. Un centrodestra quasi tutto unito (ad eccezione degli Alfaniani e dei Centristi per l’Europa di Casini che comunque da qualche anno si sono spostati nel centrosinistra facendo parte stabilmente dei governi guidati dal PD) che compatto può riconquistare l’isola ed essere competitivo sia con il Movimento 5 Stelle reduce da risultati poco incoraggianti alle scorse amministrative, sia con il centrosinistra ancora spaccato e senza un candidato presidente ufficiale.

Nello Musumeci, candidato Presidente del centrodestra alle prossime elezioni regionali in Sicilia

Il centrodestra siciliano- afferma Nello Musumeci– offre ai siciliani un ancora di speranza con una coalizione unita, compatta responsabile e motivata. Questo è l’epilogo di un percorso lungo e faticoso, ma alla fine le scelte sono state meditate e condivise. Il senso di responsabilità di ciascuno di noi è servito come essenziale. Voglio ringraziare i leader di queste forze politiche a cominciare da Gianfranco Micciché, con quale ho un rapporto più dolce che amaro. Alla fine abbiamo saputo trovare le ragioni che uniscono.

(Salvo Scaduto)