Caso La Vardera. Le parole dell’ex candidato sindaco sulla vicenda al centro della scena mediatica

0
12
Ismaele La Vardera, candidato sindaco alle scorse elezioni amministrative di Palermo

Il caso di Ismaele La Vardera e della presunta sua candidatura a sindaco di Palermo al solo fine di realizzare un docufilm che documentasse tutti i retroscena della campagna elettorale palermitana durante le elezioni amministrative della settimana scorsa è diventato in pochissime ore un fenomeno mediatico che si è allargato oltre i confini palermitani diventando una vicenda di rilevanza nazionale. Infatti ad essere coinvolti in questa singolare storia ci sono anche due leader di due partiti nazionali e cioè Giorgia Meloni e Matteo Salvini che hanno dato il loro appoggio e i loro simboli alla candidatura dell’ex collaboratore delle Iene.

Tutta la vicenda ha provocato, specialmente sul web, pareri contrastanti tra chi si schiera con La Vardera giudicando il suo comportamento una brillante idea di giornalismo d’inchiesta per fare luce su quello che accade nel dietro le quinte della campagna elettorale e chi lo accusa di aver preso in giro chi ha creduto nella sua candidatura votandolo o spendendosi in prima persona candidandosi nella lista che lo supportava.

Per smorzare le polemiche, dopo un giorno di silenzio, oggi pomeriggio dalla propria pagina Facebook attraverso un video Ismaele La Vardera ha rassicurato i propri elettori che la candidatura non è stata un bluff e che ha si effettuato delle riprese durante la campagna elettorale ma solo ed esclusivamente al fine di rendere la politica trasparente.

Di seguito il testo che sintetizza quanto detto nel video da Ismaele La Vardera sulla propria pagina Facebook:

Voglio rassicurare i miei elettori (e anche chi non mi ha votato): la mia candidatura non è stata un bluff. Avrei fatto volentieri il sindaco, ma Orlando Ferrandelli e Forello mi hanno largamente battuto. Durante questi mesi ho documentato la mia campagna elettorale e tutto quel che mi è successo. Che male c’è a rendere trasparente la politica? Per farlo meglio mi sono fatto aiutare da persone con le quali ho collaborato e che mi hanno sostenuto in questi mesi: Davide Parenti (autore delle iene e Claudio Canepari). Subito dopo le elezioni, a risultato ottenuto, ho incontrato tutte le persone coinvolte e ho chiesto loro se fossero disponibili ad entrare nel nostro racconto. Praticamente tutte mi hanno rilasciato il loro consenso tranne uno che stava nella mia lista che non l’ha presa affatto bene e m’ha mandato all’ospedale. Molti prima di me hanno documentato la loro elezione (Macron ad esempio, ma nessuno ha pensato che fosse un bluff la sua candidatura). Sto facendo male a voler raccontare la meravigliosa esperienza che ho fatto negli ultimi mesi?

Ismaele La Vardera, candidato sindaco alle scorse elezioni amministrative di Palermo

(Redazione)