Al DEMS di Palermo un Convegno gratuito sui cambiamenti nei Servizi e nelle Politiche del Lavoro

0
205

Le politiche del lavoro tra istituzioni, persone, aziende e società, è il tema del Convegno organizzato dal DEMS, Dipartimento di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, con l’obiettivo di discutere dei cambiamenti che stanno investendo il ruolo degli esperti in servizi e politiche del lavoro, alla luce di un mercato del lavoro profondamente cambiato a seguito delle recenti riforme legislative che hanno progressivamente spostato il baricentro delle tutele dal rapporto di lavoro al mercato, sulla scia delle politiche europee di “flessicurezza”.

Quella dell’Esperto in Servizi e Politiche del Lavoro è una nuova importante area di intervento professionale per gli psicologi competenti nel settore della Psicologia del lavoro, della Psicologia delle Organizzazioni, del career coaching e del career counseling.
Ampio spazio di dibattito sarà dedicato all’ipotesi in base alla quale chi esercita la propria attività professionale nell’ambito dei servizi e delle politiche del lavoro – indipendentemente dal fatto di lavorare per una organizzazione pubblica o privata – sarà sempre più chiamato ad adottare un approccio multidisciplinare e orientato alla «collaborative governance», in ragione della crescente complessità del contesto nel quale si troverà ad operare.
Il Convegno è rivolto ad aziende e professionisti – o candidati tali – impegnati a disegnare, implementare o valutare i servizi e le politiche del lavoro in Italia.

La partecipazione al Convegno è gratuita. Il Convegno sarà trasmesso anche in diretta streaming. Sarà cura degli organizzatori fornire le credenziali di accesso a chi volesse partecipare attraverso questa modalità. E’ obbligatorio registrarsi al Convegno. Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione (1 CFU).

Il Dipartimento di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali (DEMS) è un Dipartimento interdisciplinare (cui afferiscono storici, giuristi, economisti, sociologi, psicologi e politologi) incentrato su di un obiettivo comune di ricerca: elaborare i diversi saperi che concorrono a delineare le “cornici cognitive” sottostanti al duplice processo di integrazione europea e di auspicabile creazione di un nuovo assetto internazionale fondato su principi universalistici. In questo orizzonte, assumono rilievo centrale -tra gli obiettivi di ricerca- le prospettive di integrazione/armonizzazione tra gli ordinamenti giuridici, incluse le strategie di contrasto della criminalità e progettazione di direttrici di politica criminale creati a livello sopranazionale.

Il programma completo del Convegno è consultabile QUI