Da stamattina alle 7:00 fino a stasera alle 23:00 i seggi di tutta Italia sono aperti per il rinnovo del Parlamento nazionale. Seggi aperti anche in Sicilia, ma a Palermo, a causa di alcune schede elettorali sbagliate e ristampate nella notte, alcuni seggi hanno aperto con oltre due ore di ritardo.

Con il voto di oggi vi è anche il debutto del nuovo sistema elettorale, il “Rosatellum” che attribuisce due terzi dei seggi attraverso il sistema proporzionale e un terzo dei seggi attraverso il sistema maggioritario sia alla Camera che al Senato . Per quanto riguarda il sistema maggioritario si tratta di una elezione uninominale poiché in ogni singolo collegio vi sarà un singolo candidato per coalizione o lista singola e verrà eletto un solo candidato per collegio e cioè chi prenderà più voti.

Per quanto riguarda il sistema proporzionale, fra tutte le liste che supereranno la soglia di sbarramento (3% per le singole liste e 10% per le coalizioni) i seggi saranno assegnati secondo la proporzione dei voti che ogni singola lista otterrà su base nazionale. Il sistema proporzionale è denominato plurinominale poiché all’interno di ogni lista sono presenti da un numero minimo di due candidati a un numero massimo di quattro.

Gli elettori potranno votare soltanto oggi dalle 7:00 alle 23:00

L’elettore può barrate sia il simbolo di una lista sia il candidato uninominale ad essa collegato e nel caso in cui barra solo la lista il voto si estenderà automaticamente al candidato all’uninominale collegato. Non è consentito il voto disgiunto e quindi non si può barrare il simbolo di una lista e un candidato all’uninominale di un’altra lista o coalizione poiché il voto verrebbe invalidato.

Gli elettori riceveranno due schede, una rosa per la Camera e una gialla per il Senato, esclusi gli elettori che non hanno ancora compiuto 25 anni che riceveranno solo la scheda rosa e quindi non potranno votare per il Senato. Lo spoglio elettorale è previsto dopo le 23:00, subito dopo il voto.

(Salvo Scaduto)

Articolo di Salvatore Scaduto