Piano City è tornato a Palermo con tre giorni di eventi, dal 5 al 7 ottobre 2018, e una ricca offerta di percorsi musicali, con oltre 65 concerti e 90 ore di musica, dal centro storico a quartieri come Danisinni, Ballarò e Brancaccio. Come accade a Milano, Piano City vuole essere colonna sonora della città, ideale simbiosi musicale dell’identità di Palermo, nel vivo di un ormai consolidato percorso di rinascita, premiato con il riconoscimento di Capitale Culturale 2018.

La musica sul mare prosegue domenica 7 ottobre a Palazzo Forcella de Seta con una giornata di concerti di musica classica e contemporanea, in collaborazione con Manifesta 12. Alle 11.00 musiche di Debussy e Ravel con Federico Bricchetto, e alle 12.30 con Anna Maria Morici brani di Chopin, Debussy, Fauré e Ravel. Alle 14.00 Enrico Masala suonerà sue composizioni, a seguire alle 15.30 Brenda Maria Vaccaro con brani di musica americana.

Piano City a Mondello

Appuntamento al Cassaro alle 12.00 con il concerto verticale di Fabrizio Grecchi in omaggio ai Beatles; il pubblico sentirà risuonare la musica dall’alto, con il pianoforte posizionato su un balcone affacciato su via Vittorio Emanuele (n. 164).

A venticinque anni dall’assassinio di Padre Pino Puglisi, alle 12.30 Piano City Palermo rende omaggio alla storia del sacerdote e alla sua lotta contro la mafia con un concerto in piazzale Anita Garibaldi, di fronte alla Casa Museo e dove Puglisi è stato ucciso dai sicari dei fratelli Graviano. Al pianoforte il talento palermitano Davide Santacolomba con musiche di Debussy, Schubert e Chopin.

Alle 16.00 sulla Passeggiata delle Cattive, la lunga terrazza ottocentesca che fronteggia il mare a ridosso del Foro Italico, concerto a due pianoforti con Ricciarda Belgiojoso, Elio Marchesini e Walter Prati e musiche di Glass, Reich e Stockhausen.

Concerto al Chiostro della Questura di Palermo in occasione di Piano City

La musica di Piano City Palermo arriva a Danisinni, quartiere negli ultimi anni al centro di un percorso di riqualificazione urbana e sociale. Una rivoluzione in chiave artistica guidata dall’Accademia di Belle Arti di Palermo e dalle tante associazioni che lavorano sul territorio. Grazie anche al progetto ‘Rambla Papireto’, Danisinni è oggi una piccola galleria d’arte a cielo aperto, con opere murali di street artists italiani e internazionali. Un luogo che rinasce sotto la spinta dell’arte, per diventare incubatore sociale in espansione. A Danisinni, alle 17.00 si festeggia con il concerto di Marcelo Cesena, in omaggio a Ennio Morricone.

Nel quartiere Ballarò i concerti di Piano City si terranno nel campetto da calcio sotto il murales di San Benedetto il Moro, opera simbolo contro il razzismo dipinta dall’artista Igor Scalisi Palminteri insieme ai bambini del centro sociale San Francesco Saverio. Alle 18.00 Vincenzo Parisi suonerà una selezione di canti antichi siciliani liberamente riadattati per pianoforte solo. Alle 19.00 Manuel Magrini propone un omaggio a Sting, Fabrizio De Andrè e, a cent’anni dalla nascita, Leonard Bernstein.

Piano City Palermo

Chiude Piano City Palermo alle 21.30 Niklas Paschburg, il giovane tedesco di punta della scena neoclassical che ha già riscosso consensi in tutta Europa con le sue composizioni dai suoni ipnotici e coinvolgenti, tra musica elettronica, ambient e minimalista. Paschburg suonerà musica elettronica in piazza Fonderia.

Il Festival è organizzato da Piano City Milano, Teatro Massimo e Comune di Palermo, in collaborazione con il Conservatorio di Palermo e realizzato grazie alla partnership con Intesa Sanpaolo che sostiene Piano City Palermo e Piano City Milano fin dalle prime edizioni, GNV main partner di Palermo Capitale della Cultura e Fastweb. Hermès sceglie di abbracciare la manifestazione con la sua “ Fondation d’Entrepise Hermès “ attraverso il sostegno di  giovani talenti.

(Redazione)

Articolo di Salvatore Scaduto