L’esperienza professionale dell’avvocato matrimonialista Annalisa Bianchini è il motore da cui nasce l’idea dello spettacolo teatrale “La Prima”, che vede Filippo Luna al debutto da regista. Un testo semplice che racchiude, in un gioco meta teatrale sconvolgente ed emozionante, il vissuto di una figlia e di una madre per la prima volta a confronto, davanti ad un pubblico inconsapevole di quanto accadrà.

Sulla scena Chiara Muscato e Manuela Ventura. Le musiche dello spettacolo sono di Serena Ganci (con Gabrio Bevilacqua e Fabrizio Brusca), luci di Vittorio Di Matteo, i costumi di Dora Argento, con il supporto della Sartoria Pipi.

Annalisa Bianchini

Spesso nelle separazioni – dice Annalisa Bianchini – ho notato che un genitore ritiene di dover proteggere i figli dalle trascuratezze, vere o presunte, dell’altro. Sottolineare queste mancanze produce nel figlio una sofferenza aggiuntiva e un senso di colpa irrazionale ma profondo. Semplicità ed essenzialità sono i fulcri su cui Filippo Luna, che ha curato anche l’adattamento teatrale, ha imbastito la pièce, “un inganno che si trasforma in tragedia familiare, una resa dei conti, nella quale il pubblico invitato, nel suo abito elegante, suo malgrado vestirà i panni degli altri, di quelli che stanno a guardare o si fanno cattivi consiglieri.

Filippo Luna

Lo spettacolo, realizzato grazie al sostegno di liberi contributori, prodotto dall’Associazione Culturale Santa Briganti, si avvale del gratuito patrocinio del Comune di Palermo e dell’assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti, previo ritiro invito contattando il numero 320 0849222. Gradito l’abito scuro.

(Redazione)

Articolo di Salvatore Scaduto