Notturni, ninne nanne, odi dell’Antica Grecia per un pianista, siciliano d’origini e milanese d’adozione, una suggestiva e intima esperienza multisensoriale, un concerto eseguito nel silenzio della notte su un pianoforte silenzioso (un meraviglioso pianoforte a coda Yamaha dotato dell’innovativa tecnologia Silent) e udibile tramite cuffie wifi Silentsystem dal pubblico che diventa così libero di camminare per il Parco entro un raggio di 500 metri, ciascuno nel suo microcosmo uditivo.

Al via la rassegna di eventi alla Valle dei Templi sabato 7 luglio alle 21 con Silent Wi-Fi al Tempio della Concordia: Andrea Vizzini porta in Sicilia per la prima volta il suo concerto-evento, insieme con la poesia dell’attore Antonio Gargiulo, pittura live con Valerio Cassano che dipingerà sotto gli occhi del pubblico. Tutti porteranno per mano l’ascoltatore mostrandogli come la notte e le sue suggestioni possano muovere i sentimenti di artisti d’ogni tempo. Interamente ispirato alla notte anche il repertorio: un bouquet di notturni, chiari di luna, sonetti ed oli su tela, odi e preghiere da portare con sé vagando per la splendida Valle avvolti da visioni oniriche. Spazio anche agli attori siciliani con Carla Bufalino e Mattia Augello nella lettura di Saffo, Catullo e Quasimodo.

Il cartellone, promosso da CoopCulture – che cura i servizi del polo archeologico, a capo dell’ATI completata da MondoMostre, Skira, BlueCoop, Ipacem e Cooperativa Archeologia – che comprende la Valle dei Templi, il Museo “Pietro Griffo”, la Casa Museo Pirandello e l’area archeologica di Eraclea Minoa, prosegue fino a settembre tra albe e tramonti, musica e teatro.

Andrea Vizzini porta in Sicilia per la prima volta il suo concerto-evento alla Valle dei Templi

Andrea Vizzini ha debuttato a 13 anni presso il Mozarteum di Salisburgo è fondatore e presidente dell’Associazione Musicale PianoLink, Direttore Artistico del “MiAmOr Music Festival” di Milano, festival internazionale dedicato ai musicisti per passione e per professione nonché fondatore della PianoLink Philharmonic Orchestra.

(Redazione)

Articolo di Salvatore Scaduto