Stamattina nel corso di una cerimonia presso l’Istituto Comprensivo “Giovanni Falcone” di via Marchese Pensabene (Zen 2), è stato ufficialmente riconsegnato alla comunità scolastica il busto in marmo raffigurante il giudice Falcone, barbaramente vandalizzato da ignoti lo scorso 10 luglio.

All’indomani di quell’ignobile gesto e del clamore mediatico che esso suscitò nel Paese (anche per la vicinanza temporale con il 25° anniversario della strage di Via d’Amelio), il Segretario Nazionale dell’Associazione Nazionale Funzionari di Polizia, Enzo Letizia, attraverso un comunicato stampa ripreso dalle maggiori testate nazionali assunse l’impegno solenne di farsi carico del restauro dell’opera, a testimonianza e a suggello di un legame inscindibile che ha unito Giovanni Falcone e la Polizia di Stato, sia nella sua vita da Magistrato che in punto di morte.

Il busto raffigurante Giovanni Falcone restaurato e rinconsegnato all’Istituto Comprensivo Giovanni Falcone

A quell’appello, con entusiasmo ed autentica passione civile, hanno subito risposto quattro giovani restauratori della Facoltà di “Conservazione e Restauro dei Beni Culturali” presso il Dipartimento di Fisica e Chimica dell’Università di Palermo.

Grazie alla preziosa collaborazione ed alla sinergia con l’Amministrazione Comunale, il busto trova adesso una sua nuova e più idonea collocazione all’interno dell’atrio di ingresso dell’I.C. “G. Falcone”, finalmente restituito alla cittadinanza e alla comunità scolastica di San Filippo Neri.

(Redazione)

Articolo di Salvatore Scaduto