In tema di femminicidio, atti persecutori e violenza di genere, la Questura di Palermo, nel corso dell’anno 2017, ha adottato diverse misure di prevenzione a tutela delle vittime delle condotte violente spesso tenute da ex partner con cui hanno intrattenuto una relazione affettiva.

A seguito di segnalazioni, denunce e querele presentate presso gli Uffici di Polizia, di richieste di intervento sulla linea di Soccorso Pubblico  “113”, il Questore di Palermo, al fine di porre un freno alla condotta molesta e persecutoria tenuta in danno di donne che, con coraggio  e fiducia, si sono rivolte alle Forze dell’Ordine in richiesta di aiuto, ha ammonito 13 “stalker” ai sensi dell’art. 8 del D.L. 11/2009 (convertito nella L.38/2009) ed ha emesso 14 provvedimenti di ammonimento ai sensi del D.L. 93/2013 (convertito nella L.119/2013) in difesa di chi subisce atti gravi di violenza all’interno delle mura domestiche.

Attraverso accurate attività di indagine a cura degli organi investigativi della Polizia di Stato sono state, inoltre, tratte in arresto 15 persone per “stalking” e 28 per maltrattamenti in famiglia. In diversi casi è stata applicata la misura cautelare del Divieto di Avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa disposta dall’Autorità Giudiziaria.

La Polizia di Stato dedica particolare attenzione alle vittime dei reati di stalking e violenza di genere, offrendo loro l’assistenza di operatori specializzati e particolarmente sensibili al fenomeno, in grado di coniugare all’adeguata capacità di ascolto elevate competenze investigative e di fornire, inoltre, specifiche informazioni relative ai Centri Antiviolenza locali, mettendole anche in contatto con le strutture presenti sul territorio per il necessario sostegno.

(Redazione)

Articolo di Salvatore Scaduto