A distanza di oltre un anno, la Polizia di Stato e’ riuscita ad assicurare alla giustizia l’autore di ben cinque furti in appartamento, perpetrati nella zona residenziale dell’Addaura.

Si tratta di un cittadino tunisino, di appena 20 anni, con già alle spalle un burrascoso passato fatto di piccoli reati ed un provvedimento espulsivo dal territorio nazionale. Fino a pochi giorni orsono lo straniero risultava orbitare nel territorio di Roma dove, per altra vicenda, risultava destinatario di un obbligo di presentazione alla P.G.

Tra giugno e luglio del 2017, la Polizia di Stato ha registrato ben cinque “colpi” in  altrettante ville dell’Addaura. I poliziotti del Commissariato di P.S. “Mondello”, dopo avere attentamente osservato i luoghi saccheggiati dal o dai malviventi, hanno raggiunto la convinzione che autore delle razzie fosse lo stesso ladro. Tale assunto è stato confermato incrociando la visione dei filmati girati dalle telecamere di due ville “visitate” e gli esiti dei riscontri forniti dai rilievi catturati da personale del Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica, quali impronte papillari lasciate negli ambienti messi a soqquadro dal malvivente.

Si è così risaliti al cittadino tunisino che, allontanatosi dal comune palermitano, aveva stabilito da qualche tempo il suo domicilio di fortuna a Roma dove aveva fatto in tempo a delinquere, tanto da risultare destinatario di un provvedimento di obbligo di presentazione alla P.G. presso un Commissariato di P.S. della capitale.

Grazie anche alla collaborazione di colleghi della Questura capitolina, i poliziotti palermitani sono riusciti così ad intercettarlo e a trarlo in arresto, notificandogli il provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Palermo per i cinque furti in villa del giugno 7 luglio 2017.

(Redazione)

Articolo di Salvatore Scaduto