La Sicilia si è confermata, anche nel 2017, maglia nera in Europa per numero di giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni  che non studiano e non lavorano. Il dato dei “Neet” è infatti del 39,6% ed è il peggiore dell’Europa continentale, seguito a ruota dal 38,6% della Campania. Fa peggio solo la Guyana francese con il 45,4%.

E’ quanto emerge dal “Regional Yearbook 2018” pubblicato da Eurostat. Fra le 11 regioni con il più alto tasso di neet in Europa, quattro sono del Mezzogiorno: oltre a Sicilia e Campania anche Puglia (36,4%) e Calabria (36%). Ciò certifica, secondo i dati di Eurostat, la drammatica situazione occupazionale in cui versano i giovani siciliani e del mezzogiorno.

(Redazione)

 

Articolo di Salvatore Scaduto